Un cortometraggio spagnolo su un parco divertimenti stregato. Benvenuti a Limboland

Un cortometraggio spagnolo su un parco divertimenti stregato. Benvenuti a Limboland

Luna, una ragazza di 12 anni, si perde nella foresta dopo che la macchina, sulla quale viaggiava con la sua famiglia, ha un guasto. Nel bel mezzo del nulla, appare uno strano e spettacolare parco divertimenti: Limboland.

limbo

Il parco prende vita appena la ragazza varca i cancelli, ma quello che sembra un luogo incantato, ben presto rivela degli orribili segreti nascosti e la protagonista avrà a che fare con il losco proprietario, una sorta di automa dalle sembianze di un pupazzo da ventriloquo (Mr Tillie, ispirato al “faccione” simbolo di Coney Island).

tilly

Questa è la trama di un film, in fase di realizzazione da parte della ESCAS (la Film School of Catalonia), la cui uscita è prevista per il prossimo anno. Limboland è un omaggio all’arte, ai parchi divertimento, alla fantasia e al cinema di animazione. Il cortometraggio prevede l’utilizzo di una tecnica che vedrà come protagonisti degli attori in carne ed ossa, i quali, saranno trasportati in un mondo animato, utilizzando lo Stop Motion, andando a lavorare fotogramma per fotogramma.
Per questo motivo, il team, sta realizzando un modellino del parco divertimenti, utilizzando principalmente materiali di recupero (come cassette della frutta).

11918007_647475202059675_1402633988_n

La progettazione dello stesso è stata meticolosa; nessun dettaglio è stato lasciato al caso: a partire dalle installazioni più importanti, (come le montagne russe), fino ad arrivare alle decorazioni dei cavalli del carosello, ogni aspetto è stato curato minuziosamente.

12224242_1724431231121615_870699249_n

Limboland è un progetto ambizioso, ed è principalmente per coprire i costi da sostenere per la realizzazione, che la squadra che lavora al progetto ha aperto una campagna di crowdfunding che si concluderà tra poco più di 10 giorni. A questo link potete trovare tutte le informazioni e aiutare Limboland ad aprire i propri cancelli.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Il prossimo articolo
Con Halloween si conclude il grosso della stagione parchistica. Rimangono…