L’essenziale è invisibile agli occhi – Parc du Petit Prince 2017

L’essenziale è invisibile agli occhi – Parc du Petit Prince 2017

Ho amato il romanzo di Antoine de Saint-Exupéry e una visita al Parc du Petit Prince era d’obbligo. Ne abbiamo approfittato del ponte del 25 Aprile per programmare la nostra gita. Abbiamo soggiornato nella splendida Colmar e, domenica 23, siamo stati al parco.
Quello che si nota avvicinandosi sono le due mongolfiere, i cui palloni riportano alcune delle frasi più celebri del capolavoro dell’aviatore francese in diverse lingue ed alcune immagini del libro. Imponenti, aspettano i visitatori, prima di salire in alto nel cielo alsaziano. Purtroppo, la giornata ventosa, non consentiva voli, quindi all’ingresso ci hanno dato un gettone a testa del valore di 2 € a titolo di rimborso e da spendere nel parco.

DSCN7606

DSCN7359Vicino alle biglietterie, prima dell’apertura dei cancelli, i personaggi simbolo della favola sono arrivati a salutare gli ospiti. La dolcissima volpe ed il timido Piccolo Principe si sono intrattenuti con grandi e piccini e si sono concessi per le foto di rito.
La giornata è splendida: nel cielo nemmeno una nuvola e la fresca aria primaverile ci accarezza. L’ingresso del parco è situato in una stanza che ricorda il cielo stellato: qui troviamo tutti i pianeti dei personaggi del libro.
Uscendo lo vediamo davanti a noi: l’asteroide B612 con il suo abitante: intorno, a raggiera, si sviluppa il parco.
Ogni attrazione, decorazione, spazio, si rifà agli elementi del romanzo: ogni riferimento è curato e rende l’atmosfera davvero trasognante.
La parola d’ordine nel Parc du Petit Prince è interattività: nella maggior parte delle attrazioni e degli spettacoli è previsto un enorme coinvolgimento degli ospiti. Questo aspetto mi ha davvero colpita, rende l’esperienza stimolante per grandi e piccini e permette di instaurare una sorta di legame emotivo col parco. Smetti di essere in visita al parco e diventi parte di quel mondo di divertimento. Lo staff, sorridente, gentile e professionale, è sempre disponibile per ogni necessità.

DSCN7369

L’ambiente è bucolico e l’elemento predominante è il legno, che costituisce il materiale principale di tante  installazioni. Il parco è molto giovane: è stato inaugurato nell’estate 2014; il potenziale è enorme e gli standard davvero elevati. Per quanto alcune attrazioni si basino su idee molto semplici (vedi ad esempio il rosaio, il labirinto o le diverse aree gioco dedicate ai più piccoli), l’estrema cura dei dettagli e l’innovativo approccio usato, rendono questo parco davvero un gioiello. Chi ha amato il libro del Piccolo Principe riuscirà davvero a sentirne l’atmosfera malinconica, innocente e dolce che pervade le pagine del romanzo. Le frasi di Saint-Exupéry campeggiano in ogni angolo, con l’inconfondibile font della copertina dell’edizione originale. Con le novità 2017, Parc du Petit Prince, arricchisce la sua offerta, introducendo un family coaster ed un log flume. Le Seprent (riferimento al rettile incontrato dal Piccolo Principe nel deserto), sorge su un’area che volutamente ricrea l’ostile panorama delle terre aride.

DSCN7425Parc du Petit Prince strizza l’occhio anche ad una prospettiva di etudainment: sono molteplici le attività, sempre ricollegate agli episodi del libro che offrono la possibilità di apprendere divertendosi. Nella galleria Métamorphose, un documentario illustra la vita delle farfalle, proiettando le immagini di questi insetti e mostrandoci come “Bisogna pur sopportare qualche bruco se si vogliono conoscere le farfalle: sembra che siano così belle”. Nel parco si possono incontrare anche gli animali che animano le pagine del Piccolo Principe: due volpi vi aspettano nella Renardière; potete assistere allo scenografico volo dei piccioni, oppure osservare le pecore che si godono le giornate nel loro recinto. A proposito di pecore: ho davvero apprezzato l’enorme lavagna dove gli ospiti possono rispondere alla richiesta del viaggiatore dello spazio; “Disegnami una pecora” e così, gessetti alla mano, ognuno lascia il suo contributo.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

parc du petit prince 2017Trascorrere la giornata al Parc du Petit Prince è come entrare nelle pagine del libro e vivere le avventure narrate in prima persona. Le immagini di Antoine de Saint-Exupéry accompagnano gli ospiti durante la loro visita, ma il parco trova anche il modo di accogliere le rivisitazioni di questi personaggi, ad esempio nel filmato proiettato a Le Gran Cinéma in 3 dimensioni.
Molto particolare e scenografico è sicuramente l’Aérobar Du Buveur, una struttura che vi porta a 35 metri per ammirare il panorama della regione.

parc du petit prince 2017

Ogni attrazione presente meriterebbe una menzione speciale, già solo per la cura incredibile dei dettagli e la costante ricerca dei riferimenti nelle pagine del libro da cui prende ispirazione il parco. Sicuramente ha conquistato un posto speciale nel mio cuore. Gli amanti dell’adrenalina sicuramente non saranno entusiasti, ma per i sognatori, sarà una giornata davvero magica!
Le famiglie riusciranno a passare dei momenti speciali: nel parco sono davvero molte le aree gioco dedicate ai piccoli ospiti. Dai tappeti elastici, ai playground con le classiche installazioni da parco giochi, fino al carosello dove, al posto dei cavalli, troviamo aeroplani a misura di bambino.
Non mancano i punti ristoro: La table de St-Exupéry propone cucina a self service e piatti vegetariani, da Food Plane potete mangiare hamburger, il Météorite Café propone bevande e panini regionali (noi abbiamo pranzato qui e mangiato il Croque Monsieur!), a completare l’offerta gastronomica ci sono 4 Chioschi dove poter comprare bibite e gelati.
Il negozio di souvenir si trova all’uscita: trovate gadget per tutte le tasche e tutte le età, ovviamente con l’effige del biondo principe e dei suoi amici.

parc du petit prince 2017Trovate tutte le informazioni di Parc du Petit Prince nella nostra scheda a questo link, come sempre trovate la storia del parco, orari e tariffe della stagione in corso, oltre che alla nostra galleria fotografica e tutto quello che c’è da sapere per organizzare la vostra visita al parco alsaziano.

Se vi è piaciuto il mio diario di bordo, lasciate un commento o un like! 🙂
Potete continuare a seguire le mie avventure su Facebook,  Twitter e Instagram; trovate tutti i video sul canale YouTube.

#unavitaatestaingiu



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *