Ducati World: posa della prima pietra

Ducati World: posa della prima pietra


Giovedì 5 luglio è stata una giornata speciale per Mirabilandia: è stata infatti presentata la novità della prossima stagione, una nuova area nata dalla partnership con un’altra eccellenza dell’Emilia Romagna, il brand motociclistico Ducati. Per l’occasione, ospiti importanti si sono seduti al tavolo della conferenza stampa organizzata prima della cerimonia della posa della prima pietra, momento simbolico significante l’avvio ufficiale dei lavori di costruzione.

Davide Padovan, presentAttore degli spettacoli targati Stuntmanshow productions, è moderatore di questo importante momento. Dopo i saluti di rito ed una veloce introduzione degli ospiti che interverranno nel corso della conferenza, passa la parola a Riccardo Marcante, General Manager del Parco di Savio che ha assunto la carica durante la scorsa stagione.

Con lo sguardo e la voce pieni di orgoglio illustra ai presenti il progetto della nuova area del parco, la quale verrà aperta al pubblico nel corso della prossima stagione e che sorgerà sulle ceneri della zona della Vecchia Europa, nei pressi della EuroWheel, la grande ruota panoramica.

Marcante spiega come Ducati World sia l’investimento più importante che la holding proprietaria Parques Reunidos ha effettuato nel parco ravennate, nonché quello più rilevante in tutta la storia di Mirabilandia che Marcante definisce come uno dei gioielli della corona tra le oltre 60 realtà, tra parchi acquatici, a tema e faunistici, che il gruppo spagnolo possiede in tutto il mondo.

L’entità dell’investimento di cui parla Marcante è reperibile nella documentazione messa a disposizione degli investitori del colosso del divertimento sul proprio sito istituzionale, nell’ambito della presentazione aziendale del primo semestre 2018. Il file in cui la Parques Reunidos illustra la propria situazione, nonchè i progetti del prossimo biennio, quantifica in  25 milioni di € l’impegno economico che verrà affrontato per la realizzazione di Ducati World.




Il General Manager prosegue illustrando i numeri generati dal parco in termini di affluenza, concentrando l’attenzione sui valori registrati nei mesi di maggiore affluenza che sono luglio e agosto. Le performance di Mirabilandia rendono fieri il management del parco, ma anche chi al parco ci lavora: la soddisfazione degli utenti e la possibilità di salire nel gradimento del settore amusement, proiettandosi su uno scenario molto competitivo, dove ogni giorno è una sfida riuscire a stupire i propri ospiti, è uno stimolo ed un incentivo a migliorarsi per tutto il team di Mirabilandia.

L’intervento di Marcante si concentra sulla partnership con Ducati: prima ancora di snocciolarci i dati tecnici e procedere con la descrizione degli elementi che comporranno la nuova area, condivide con noi i suoi ricordi da bambino, quando già allora la casa motociclistica di Borgo Panigale accendeva il cuore degli appassionati delle due ruote, portando un piccolo Riccardo ad esclamare con aria sognante: “E’ una Ducati!”

L’area interesserà una superficie di 35.000 mq; si accederà a Ducati World attraversando uno scenografico portale d’accesso dalle linee ispirate a quelle del logo Ducati, logo che verrà riproposto in dimensioni mastodontiche sul pavimento della piazza principale della nuova area e sarà il cuore di questo mondo. La zona ospiterà una struttura al coperto che conterrà, oltre ad un’esposizione permanente dei più famosi modelli della casa motociclistica, due simulatori che permetteranno agli ospiti del parco di provare le emozioni dei veri piloti, grazie alla presenza di due livelli di difficoltà: più facile per il divertimento dei neofiti ed un simulatore molto simile a quello usato dai piloti in fase di preparazione per chi vuole mettersi alla prova come un vero professionista della pista.

L’experience building prosegue con tre punti di ristoro e un punto vendita dove sarà possibile acquistare merchandising brandizzato Ducati e Mirabilandia.

Parlando di attrazioni, Marcante ci informa che la 24 ore di Mirabilandia subirà un restyling e le macchinine lasceranno il posto alle 2 ruote dove i piccoli piloti (dai 120 cm, 6/7 anni) potranno sfidarsi sfrecciando sul tracciato guidato, sulla falsa riga della struttura attuale. Sempre per il divertimento dei giovani ospiti del parco, Ducati World ospiterà due Kiddie Ride e, a completamento dell’area, il coaster Superbike Race, per cui il parco ravennate ha l’esclusiva mondiale per 3 anni.

“Con questo progetto – continua il General Manager – Mirabilandia intende entrare a far parte, per ciò che concerne i parchi divertimento, ad un livello di eccellenza, similmente a Ducati per ciò che concerne il mondo dei motori”.

L’incontro prosegue con l’intervento di Elia Zenato, Direttore Tecnico del parco che, visibilmente emozionato ed altrettanto orgoglioso, illustra le specifiche tecniche dell’attrazione di punta di Ducati World, il rollercoaster Superbike Race.

La ride si sviluppa su due tracciati che corrono parallelamente per un totale di 550 metri; su ogni pista sono previste sei moto, per un totale quindi di dodici mezzi.

Le moto possono accogliere 2 persone, di cui una il pilota e un passeggero, e possono raggiungere una velocità di punta di oltre 60 km/h. Zenato continua parlando dell’innovativo sistema di controllo basato sui concetti di controllo e interattività, sottolineando come tutti noi potremo diventare piloti, agendo sull’accelerazione del mezzo per poter interpretare al meglio la pista e sfidare i nostri amici.

Presenti alla conferenza anche Andrea Dovizioso,  campione del mondo della classe 125 nel 2004. Intervistato da Davide Padovan, il pilota mostra curiosità verso il progetto e confida di voler provare il coaster non appena sarà possibile.

Abbiamo avuto il piacere di poter assistere all’intervento di Jesús Fernández Morán, Direttore delle operazioni per l’Europa di Parques Reunidos. In prima battuta conferma quanto già affermato da Marcante: Mirabilandia è il secondo parco per numero di visite all’interno della rosa della multinazionale spagnola.
La vision della holding proprietaria di Mirabilandia è guidata dall’innovazione, che Morán afferma essere nel dna di Parque Reunidos: la necessità di rinnovare costantemente l’offerta dei parchi è un imperativo che ha permesso all’azienda di stringere delle partnership importanti con brand famosi a livello internazionale e che sono entrati a fare parte dell’offerta di altre realtà del loro portafoglio.
Morán cita ad esempio le recenti collaborazioni strette con la squadra del Barcelona, Mattel, Nickelodeon, Lionsgate: segnale della capacità da parte del management di realizzare sodalizi con realtà d’eccellenza nei più diversi settori.

L’intesa con Ducati, brand iconico per gli amanti delle due ruote, sarà occasione per avvicinare al parco i fan della casa di Borgo Panigale (sia italiani, che esteri), offrendo agli stessi una varietà di attrazioni caratterizzate da un nuovo livello di adrenalina, che arricchirà la loro esperienza di divertimento, regalando emozioni indimenticabili.

Il Rollercoaster di nuova generazione scelto per l’area permetterà agli ospiti di replicare quello che vivono i piloti in pista, il tutto in concerto con l’applicazione delle tecnologie di realtà virtuale, per le quali Parque Reunidos vanta una vasta conoscenza.




Particolarmente interessante, a mio avviso, è l’aspetto educazionale che è stato voluto dare all’intero progetto: i visitatori potranno approfondire la storia della motocicletta, scoprendo il contesto socio culturale italiano in cui  Ducati è cresciuta, rimanendo un punto di riferimento per quanto riguarda la tradizione dei motori, ma riuscendo a distinguersi come brand d’eccellenza a livello globale.

La parola passa a Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati: il suo intervento si apre con un riferimento alla crescita del brand Ducati, che nell’ultimo anno ha venduto 56.000 moto, dimostrandosi brand leader nel mercato delle due ruote e conquistando anche il podio in 6 gare nel campionato della Moto Gp nel 2017 e 3 nella stagione in corso. Ducati sa distinguersi dai propri competitors soprattutto per la grande importanza che la casa di Borgo Panigale attribuisce alla parte emozionale dell’esperienza sulle due ruote, riassunta nell’espressione “passione per le emozioni” che Domenicali pronuncia con emozione ed orgoglio.

L’AD ci parla anche della World Ducati Week, la tre giorni dedicata agli amanti del brand che nel 2016 ha registrato 80.000 presenze (91.596 quest’anno) come ulteriore riprova del successo e dell’affetto diffuso verso il brand romagnolo. Definisce la partnership con Mirabilandia “straordinariamente centrata” e vede Ducati World come un contenitore di emozioni aggiuntivo di cui potersi fregiare.

Oltre all’aspetto ludico, come già detto in precedenza, la nuova area svilupperà temi che stanno molto a cuore al brand motociclistico, come la possibilità di avvicinare i piccoli ospiti al mondo delle due ruote, permettendo loro di appassionarsi a questa realtà già in tenera età; grande risalto anche al tema della sicurezza e alla dimensione della famiglia: si potranno condividere momenti di aggregazione, anche semplicemente assistendo alle competizioni trasmesse sul grande schermo, così come avviene in tante case, dove ci si riunisce “[…] tutti insieme a vedere la gara”.

Questo accordo commerciale tra Ducati e Mirabilandia è visto con entusiasmo da entrambe le parti coinvolte e Domenicali sottolinea come, ulteriore segno benaugurante, entrambe le realtà festeggino il compleanno il 4 luglio.




Un altro argomento introdotto è l’importanza che riveste il settore della ricerca e sviluppo per Ducati: il 10% del fatturato della casa motociclistica è investito in questo ambito. Tra le innovazioni prodotte viene fatto l’esempio della Link App, applicazione in grado di rendere la moto sempre più social e connessa, attraverso l’implementazione di tre aspetti fondamentali del piacere di guidare una due ruote: la relazione fra ogni pilota e la sua moto, il viaggio e la scoperta di nuove strade e il piacere di condividere le proprie emozioni.

Laboratori che coinvolgono 10.000 studenti all’anno, riguardanti la fisica applicata alle due ruote, sono un’altra iniziativa orientata all’edutainment che l’azienda propone.

Gli ultimi interventi sono riservati ai rappresentanti politici: Andrea Corsini, Assessore del turismo della regione Emilia Romagna parla del suo incarico come un’onere ed un onore. Definisce il suo compito una grande fortuna, ma un’altrettanto enorme responsabilità. Parla dell’importanza di questa collaborazione tra due eccellenze del territorio, così apparentemente distanti, ma che fanno parte entrambe di un’offerta turistica consolidata ed affermata, che ha attirato 57 milioni di presenze turistiche nel 2017 e che ha registrato un trend positivo del 10% nei primi 5 mesi dell’anno corrente. Ricorda come l’Emilia Romagna sia stata premiata con diversi riconoscimenti dalla guida turistica Lonely Planet che ha insignito la regione del riconoscimento di Best in Europe Destination 2018.

Conclude la conferenza Roberto Fagnani, Assessore allo sport del Comune di Ravenna, che racconta la sua esperienza con le due ruote: “Prima mio padre mi ha messo sulla moto poi mi ha insegnato a camminare”. La passione dei romagnoli per la moto è innata, è nel loro dna.
Sport e turismo sono un binomio vincente per la regione, modelli di welfare e di sviluppo economico; la partnership promette un reciproco vantaggio in termini di immagine e di ritorno turistico.

Prima di procedere con la posa della prima pietra, l’ultima parola spetta al pilota Marco Melandri. Il suo è un amarcord ricco di aneddoti legati alla sua terra ed al parco di Savio: ricorda con noi che Mirabilandia era tappa fissa tutte le estati per lui ed i suoi cugini. L’allegra combriccola era portata la mattina ai cancelli del parco e recuperata la sera, dopo una giornata di divertimento. Con il passare degli anni, la giornata al parco è diventata il pretesto per poter festeggiare il compleanno (Marco è nato il 7 Agosto) in compagnia dei suoi amici e fans.
Un altro ricordo di Marco legato al parco è quello dello stunt show Scuola di Polizia e, quando Davide gli chiede un parere sul nuovo coaster, risponde, che non vede l’ora di provarlo e, rivolto a Dovizioso afferma “[…]però in curva 1 io sto all’interno!”

La conferenza si conclude con la firma dei presenti sulla lavagna multimediale Samsung: sicuramente un bellissimo ricordo della giornata, in chiave tecnologica.

La giornata prosegue nella piazza antistante la EuroWheel dove, alla presenza delle ombrelline, viene mostrata ai presenti la prima pietra della nuova area, la cui posa segna l’inizio simbolico dei lavori di costruzione.
Qui, il team dello Stunt Show, propone un numero spettacolare con le due ruote, dove non mancano gas e adrenalina.

Una giornata davvero emozionante in cui le due realtà, apparentemente così diverse tra loro, hanno con orgoglio illustrato questo progetto comune che parte dall’orgoglio per il territorio di appartenenza e vuole confermare la posizione di leadership ed eccellenza nei rispettivi campi dei due brand. Una partnership che saprà valorizzare il parco e la casa di Borgo Panigale, arricchendo l’offerta turistica della Regione, attirando ospiti sia italiani, ma, si spera, anche molti stranieri. Un’occasione per avvicinare i più piccoli al mondo delle due ruote, sviluppando tematiche importanti come la sicurezza e investendo molto sul valore del territorio e della sua storia.
A noi questo progetto piace e non vediamo l’ora di farne parte in prima persona!

Come dicevamo i lavori sono già iniziati al parco: per poter permettere scavi e pose delle fondamenta, attualmente non sono disponibili alcune attrazioni (EuroWhell, Raratonga, MiraExpress e la 24ore), ma siamo sicuri che questa piccola rinuncia verrà ben ripagata all’apertura dei cancelli della nuova area, la prossima stagione.

In attesa di aggiornamenti vi lasciamo alcune immagini, per poter cominciare ad esplorare il mondo di Ducati World!

Ecco il promo di presentazione del logo di Ducati World:

Scopri le immagini del progetto nella gallery:

Scopri le immagini della conferenza stampa e della posa della prima pietra nella gallery:

« 1 di 6 »

L’inaugurazione della nuova area dedicata alle Rosse di Borgo Panigale avverrà nella stagione 2019; i lavori sono già cominciati al parco e gli appassionati (sia del mondo parchistico, che di quello delle due ruote) sicuramente non vedono l’ora di provare questa nuova esperienza che promette di coinvolgere e divertire tutta la famiglia con la giusta dose di adrenalina e con un occhio alla storia del territorio e delle eccellenze che lo rappresentano.

E voi? Siete curiosi di esplorare Ducati World? Accendete l’entusiasmo e seguite tutti gli aggiornamenti sul nostro sito e su quello ufficiale del parco a questo link!

Se vi è piaciuta la nostra pagina di diario fatecelo sapere con un commento, ne saremmo felici!
Non dimenticate di seguirci sui nostri social: ci trovate su FacebookInstagram YouTube!

#unavitaatestaingiu

#DucatiWorld



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *